FENG SHUI E ANSIA

feng shui e ansia

Feng shui e Ansia: quale tono vibrazionale li unisce?

In questo lungo lockdown abbiamo assistito al realizzarsi di una fusione tra la propria casa reale esterna, fatta di muri e arredi e la propria casa interna fatta di emozioni, sogni ansie e angosce. In altre parole il mondo interno di ognuno di noi è diventato il proprio mondo esterno.

L’assenza di relazioni, di vita sociale, ha fatto si che la il mio appartamento diventasse la mia realtà sociale e questo si identificasse con il mio mondo interno, invisibile, eliminando temporaneamente le paure e l’ansia del non conosciuto, del conflittuale, dell’inconscio

La vibrazione tra me, elemento somatopsichico e la mia casa si sono fuse.

Molti di noi sono diventati i domestici di se stessi imparando ad usare elettrodomestici mai usati prima , alcuni hanno trovato un certo trasporto emotivo nei confronti della casa, prima vissuta solo ad ore per cenare e dormire. Più attenzione alla casa esterna che a quella interna in quanto  messa in “attesa” dal lockdown permettendoci di rendere il nostro appartamento in armonia con noi stessi, bloccati in noi stessi.

Gli investimenti emotivi sono stati fatti in vari campi domestici. Per esempio in campo culinario: chi ha imparato a fare il pane, la focaccia i grissini; chi la pulizia domestica chi ad attrezzare la propria casa come una piccola palestra, chi il proprio balconcino  a renderlo un salottino per respirare aria fresca di Milano. Questi lavori di costruzione tutti molto positivi restano circoscritti in una area limitata: la propria casa esterna. Nessun lavoro (manutenzione) sulla casa interna lasciandola così in una  condizione di stand-By senza più attenzione ad essa, quasi non esistesse. Questo ha permesso a molti di vivere molto serenamente il lockdown rimanendo al sicuro senza sentirsi in colpa ancorché autorizzato da una legge esterna. Autorizzato dall’esterno è rimasto al sicuro dai propri “fantasmi” della casa interna cioè dalle proprie paure, ansie, angosce dell’incontro con l’altro.

MA come ci insegna il Feng shui  già nella rappresentazione di significato del suo ideogramma “vento e acqua”, tutto scorre sul filo dell’equilibrio tutto si modifica e cambia per raggiungere un nuovo equilibrio.

Ora è arrivato il momento di uscire, di ricominciare ad abbellire la casa interna quella esterna è già stata accudita. Ora di nuovo a contatto con le proprie paure, ansie, difficoltà per cercare di superarle e raggiungere un gradino in più nel parco del l’equilibrio della Vita.

E’ ritornato il momento di ri-arredare, ri-spolverare la casa interna e di ri-porsi nei confronti della vita con uno sguardo nuovo, “aggiustato” dal virus, di maggior armonia con la Madre Terra quindi nel rispetto della Natura, degli spazi interpersonali, del riappropriarsi di quelle regole della buona educazione e riscoprirci potentemente Esseri Senzienti.

Buona fase “2” a tutti!

Stefania Doria, MD