Neurostimolazione per la cura della depressione

depressione

La Neurostimolazione con tDCS per la cura della depressione

La neurostimolazione con tDCS (transcranial Direct Current Stimulation) si è dimostrata utile per ridurre efficacemente i sintomi della depressione con risultati clinicamente significativi. Si stima infatti che l'effetto ottenuto sia simile all’azione di un farmaco antidepressivo in cure primarie.

La terapia con tDCS è adatta alla maggior parte dei pazienti. Può essere utilizzata come trattamento autonomo e come tale è un’alternativa valida per i pazienti che non possono tollerare trattamenti farmaceutici. Può essere aggiunta ai trattamenti in corso ed avere effetti additivi sia per la terapia farmacologica, sia per quella psicoterapeutica.

La terapia con tDCS consiste nella neurostimolazione NON invasiva della corteccia prefrontale dorsolaterale (DLPFC), usando una corrente continua a bassa intensità (da 1 a 2 mA). Vengono usati elettrodi di piccole dimensioni appoggiati sul cuoi capelluto (sullo scalpo). Gli elettrodi vengono inseriti in una cuffia di gomma, rivestiti da una spugna sintetica imbevuta di una soluzione salina per aumentare la conduttività.

Diversi studi hanno dimostrato la presenza di ipoattività della corteccia prefrontale dorsolaterale sinistra nei pazienti depressi, dimostrando l’efficacia della tDCS anodica della DLPFC sinistra nella riduzione dei sintomi depressivi (Fitzgerald 2006, Grimm 2008). Studi neurobiologici hanno evidenziato che la neurostimolazione con tDCS è implicata nella mediazione di una serie di eventi a livello cellulare e molecolare, compresi gli effetti su alcuni recettori, e a cambiamenti sinaptici duraturi (Liebetanz 2002, Nitsche 2003).

La neurostimolazione con tDCS è risultata essere molto sicura; non si segnalano infatti eventi avversi gravi correlati, come anche affermato dal NICE (National Institute for Clinical Excellence).

Una sessione di trattamento consiste in una stimolazione a corrente continua per 20 minuti, mentre il trattamento completo può seguire diversi protocolli, solitamente concordati insieme al paziente e dopo aver effettuato una prima anamnesi. Essi possono durare da una a cinque settimane, seguite da trattamenti di mantenimento.

Grazie alla sua sicurezza, la terapia con tDCS può anche essere uno strumento valido per l'intervento precoce della depressione.

Il neurostimolatore è un dispositivo medico conforme alla direttiva sui Dispositivi Medici 93/42/CE e registrato con n°0476

Operatore: Dott. Salvatore Bonfiglio